nuove esenzioni per malattie croniche

28 Settembre 2017 0 Di Alessandro Livi

Con il  DCA 413 del 15/9/2017  la Regione Lazio ha recepito quanto previsto dal DPCM del 12 Gennaio 2017  ”Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza in materia di esenzione ticket”, apportando le seguenti modifiche:

Malattie Croniche

L’elenco aggiornato è riportato nell’allegato 4 del DCA 413. Cinque  malattie che in precedenza erano state  riconosciute come rare sono adesso riconosciute come malattie croniche:

VECCHIO CODICE NUOVO CODICE
SPRUE CELIACA  (cod. RI0060)   MALATTIA CELIACA (cod. 059)
DERMATITE ERPETIFORME (cod. RL0020) MALATTIA CELIACA (cod. 059)
CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE (cod. RMG010) CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE (cod. 067)
SINDROME DI DOWN (cod. RN0660) SINDROME DI DOWN (cod. 065)
SINDROME DI KLINEFELTER (cod. RN0690) SINDROME DI KLINEFELTER (cod. 066)

Al fine di garantire tutte le prestazioni necessarie,  i vecchi codici di esenzione per malattia rara sono rimasti attivi fino al 31.12.2017. Oltre questa data, se già non provveduto,  gli assistiti, per poter continuare ad usufruire dei benefici della esenzione, dovranno recarsi al Distretto  di residenza per ottenere il nuovo tesserino di esenzione per malattia cronica

Per quanto riguarda la CELIACHIA:

  • il nuovo tesserino di esenzione verrà comunque consegnato in occasione del ritiro dei buoni per l’anno 2018;
  • la certificazione della malattia, “ai fini dell’esenzione delle prestazioni sanitarie previste e dell’erogazione gratuita degli alimenti senza glutine, deve esclusivamente essere effettuata presso Presidi Sanitari identificati dalle Regioni e dalla Province Autonome  in base agli specifici criteri assistenziali, tecnici, scientifici e territoriali precisati nei capitoli successivi…” (Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante “Requisiti tecnici, professionali ed organizzativi minimi per l’individuazione dei presidi sanitati deputati alla diagnosi di celiachia” approvato con Rep. Atti n. 105/CSR del 6 luglio 2017), ovvero dai Presidi di rete per la celiachia (DGR n. 884 del 4.12.2008; DGR n. 523 del 10.7.2009; DGR n. 74 del 24.4.2013).

Sono state introdotte 6 nuove malattie croniche:

  • 057 BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO) (stadi clinici “moderato”, “grave” e “molto grave”)
  • 060 OSTEOMIELITE CRONICA
  • 061  SINDROME NEFROSICA – GLOMERULONEFRITE CRONICA – RENE GRINZO – PIELONEFRITE CRONICA
  • 062 RENE POLICISTICO AUTOSOMICO DOMINANTE
  • 063 ENDOMETRIOSI (“MODERATA” e “GRAVE” III – IV stadio ASRM)
  • 064 AMELIA, EMIMELIA, FOCOMELIA, MICROMELIA (Sindrome da Talidomide)

Malattie Rare

Il DPCM ha ampliato l’elenco delle malattie rare mediante l’inserimento di nuove malattie e gruppi di malattie la cui lista completa è contenuta nell’allegato 3 al DCA 413.

Due malattie precedentemente riconosciute come croniche sono adesso riconosciute come malattie rare:

VECCHIO CODICE NUOVO CODICE
MIASTENIA GRAVE (cod.  034) SINDROMI MIASTENICHE CONGENITE e DISIMMUNI (cod. RFG101)
SCLEROSI SISTEMICA (cod. 047) SCLEROSI SISTEMICA PROGRESSIVA (cod. RM0120)

Per queste patologie gli assistiti dovranno recarsi presso i Centri di Riferimento Regionali riconosciuti (vedi allegato 3 al DCA 413) e avviare il percorso per la certificazione di malattia rara.

 Al fine di garantire tutte le prestazioni necessarie, il vecchio codice di esenzione per malattia cronica resterà attivo fino al momento della presa in carico dell’assistito da parte del Centro di Riferimento per malattia rara.


Per le quattro malattie rare sotto riportate, sono stati introdotti limiti temporali all’esenzione che verrà eventualmente rinnovata alla scadenza, in relazione al decorso clinico del singolo paziente:

 MALATTIA RARA VALIDITA’ ATTESTATO DI    ESENZIONE
TUMORE DI WILMS (cod. RB0010) 5 ANNI (RINNOVABILE)
RETINOBLASTOMA (cod. RB0020) 5 ANNI (RINNOVABILE)
PUBERTÀ PRECOCE IDIOPATICA (cod. RC0040) 5 ANNI (RINNOVABILE)
SARCOIDOSI (cod. RH0011) DA RICONFERMARE DOPO I PRIMI 12 MESI

Sono escluse dalle malattie rare le malattie sotto riportate

  • FAVISMO (cod. RDG010)
  • SINDROME DI KAWASAKI (cod. RG0040)
  • COMPLESSO PORPORA TROMBOTICA (cod. RGG010)
  • APNEA INFANTILE (cod. RP0050)

I Piani terapeutici prescritti dal Centro di Riferimento con data di diagnosi anteriore all’entrata in vigore del DCA 413 hanno mantenuto  la loro efficacia fino al 31.12.2017.

Per quanto riguarda le malattie rare del DM 18 Maggio 2001 che hanno cambiato codice e/o denominazione (vedi allegato 2 al DCA 413 – campi “PRECEDENTE CODICE” e “PRECEDENTE DENOMINAZIONE”), tutte le diagnosi emesse con data successiva alla pubblicazione del DCA 413 dovranno essere certificate dai Centri con i nuovi codici e/o denominazioni. 

Al fine di garantire tutte le prestazioni necessarie, le certificazioni di diagnosi emesse con il precedente codice e/o denominazione, con data anteriore all’entrata in vigore del DCA 413, mantengono la loro efficacia fino alla modifica da parte del Centro di Riferimento  del codice e/o denominazione da effettuarsi nel corso della prima visita di follow-up.

Con la nuova certificazione l’assistito potrà rivolgersi alla ASL di residenza per la modifica del codice di esenzione.

Assistenza specialistica ambulatoriale per le donne in stato di gravidanza e a tutela della maternità

  • il D.M. Sanità del 10/9/1998 è abrogato;
  • sono escluse dalla partecipazione al costo le prestazioni specialistiche ambulatoriali per la tutela della maternità indicate dagli allegati 10A e 10B del DCA 413 fruite presso le strutture sanitarie pubbliche e private accreditate, ivi compresi i consultori familiari;
  • nelle specifiche condizioni di rischio fetale indicate dall’allegato 10C del DCA 413, sono escluse dalla partecipazione al costo le prestazioni specialistiche ambulatoriali necessarie ed appropriate per la valutazione del rischio e la successiva diagnosi prenatale, prescritte dallo specialista;
  • nelle more della piena vigenza del DPCM 12.1.2017, ai fini dell’applicabilità dei citati allegati 10A, 10B e 10C, di considerare erogabili le prestazioni attualmente ricomprese nel Nomenclatore Tariffario Regionale di cui al DCA 313/2013 (vedi allegato 5 del DCA 413 “Indicazioni operative per l’applicazione in via transitoria degli allegati 10A e 10B).

Clicca qui per ulteriori informazioni relative  alle esenzioni per malattie croniche.

Last Updated on